Istituto Superiore di Scienze Religiose
Introduzione

... Senza mai dimenticare la centralità della parrocchia,credo sia non solo utile ma necessario che la Diocesi offra la sua collaborazione alle parrocchie e ai parroci con iniziative e proposte al servizio del nostro popolo.

A proposito di formazione permanente e approfondita dei nostri collaboratori, vorrei invitarvi a considerare attentamente l’apporto che può e deve pervenire alle parrocchie dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose (ISSR).

Accanto alla preparazione dei futuri insegnanti di religione, l’ISSR è lo strumento privilegiato per la formazione dei laici all’apostolato e ai vari servizi ecclesiali.

In piena sintonia con il Vescovo e al servizio diretto delle parrocchie, l’ISSR è un’opportunità di qualificazione e di aggiornamento che forse dovremmo maggiormente valorizzare.

E’ un tesoro nostro e per noi: sentiamoci tutti corresponsabili per il suo buon andamento, procurando di indirizzarvi più persone possibili, tenendo a cuore le sue sorti e il suo sviluppo, non temendo di far sentire la nostra voce e le nostre opinioni in merito alla sua natura e al suo buon funzionamento...”

Romano Rossi, Vescovo
dalla Lettera ai Sacerdoti, 12 settembre 2008,
Solennità di Maria Ss.ma ad Rupes"


Tante cose, anche nel nuovo secolo saranno necessarie per il cammino storico della Chiesa;  ma se mancherà la carità (agape), tutto sarà inutile” (NMI, 42).

 

      I catechisti, gli operatori della pastorale, gli educatori/animatori di gruppi giovanili e sportivi, degli oratori, gli animatori liturgici e della preghiera, i responsabili di movimenti e associazioni, i ministri straordinari dell’Eucaristia che non intendono iscriversi al corso regolare degli studi, possono partecipare liberamente e gratuitamente, alle lezioni che riterranno più opportune per la formazione personale e potranno pianificare la partecipazione ai corsi anche con scansione pluriennale.




...3.   Gli ISSR intendono offrire la conoscenza degli elementi principali della Teologia e dei suoi necessari presupposti filosofici e complementari delle scienze umane. Questo percorso di studio, più specificamente, ha lo scopo di: promuovere la formazione religiosa dei laici e delle persone consacrate, per una loro più cosciente e attiva partecipazione ai compiti di evangelizzazione nel mondo attuale, favorendo anche l'assunzione di impieghi professionali nella vita ecclesiale e nell'animazione cristiana della società; preparare i candidati ai vari ministeri laicali e servizi ecclesiali; qualificare i docenti di religione nelle scuole di ogni ordine e grado, eccettuate le Istituzioni di livello universitario.
4. Gli ISSR designano un'ulteriore opportunità di partecipare, assieme alla Teologia, dello sforzo di approfondimento della verità, allo scopo di accompagnare la crescita nella fede delle singole persone e dell'intera comunità...


Finalità e promozione
degli Istituti Superiori di Scienze Religiose

Art. 1. L'ISSR è una Istituzione accademica ecclesiastica, la cui natura è stata già delineata nell'Introduzione (cfr. nn. 3-5). Essa è prevista dal Codice di Diritto Canonico (cfr. can. 821), dal Codice dei Canoni delle Chiese Orientali (cfr. can. 4042) e regolata dalla presente Istruzione. 
Art. 2. L'ISSR è finalizzato alla formazione dei fedeli - laici e religiosi - in ordine all'arricchimento della propria vita cristiana, alla capacità di dare ragione della propria fede, all'esercizio dell'apostolato loro proprio, e in particolare alla loro partecipazione all'evangelizzazione. Allo stesso tempo, esso prepara figure professionali inserite nelle dinamiche culturali e operative della società contemporanea, per poter collaborare con i ministri sacri nella loro specifica missione.
Art. 3. L'ISSR propone la trattazione sistematica, con metodo scientifico proprio,della dottrina cattolica, attinta dalla Rivelazione interpretata autenticamente dal Magistero vivo della Chiesa. Inoltre, promuove la ricerca delle risposte agli interrogativi umani, in prospettiva teologica e con l'aiuto delle scienze filosofiche, delle scienze umane e degli altri ambiti disciplinari che si occupano di studi religiosi.
Art. 4. L'ISSR, sia di primo e secondo ciclo sia soltanto di primo ciclo, è collegato ad una Facoltà Ecclesiastica di Teologia, la quale assume la responsabilità accademica del medesimo Istituto.

Congregazione per l’Educazione Cattolica
(dei Seminari e degli Istituti di Studi)
Istruzione sugli Istituti Superiori
di Scienze Religiose

Roma, 28 giugno 2008
La durata degli studi degli ISSR è ora di cinque anni, strutturati in due cicli: un primo ciclo di tre anni, al termine del quale si consegue il Baccalaureato in Scienze Religiose e un secondo ciclo di due anni, al termine del quale si consegue la Licenza in Scienze Religiose (cf. art. 23)...
... È da augurarsi che questi Istituti possano contribuire efficacemente ad aumentare la cultura religiosa dei fedeli, ma ciò non dipende tanto dal loro numero, bensì specialmente dalla loro qualità e dalla loro capacità di individuare adeguatamente quali sono i veri bisogni dei fedeli, ai quali detti Istituti sono chiamati a rispondere, per poter far crescere veramente, in spirito e verità, il Corpo Mistico di Cristo.


Intervento dell’Em.mo Card. Zenon Grocholewski
Sala Stampa della Santa Sede, 25 settembre 2008
in occasione della presentazione della
Istruzione sugli Istituti Superiori di Scienze Religiose